Storie e riflessioni che nessuno aveva chiesto

Categoria Storie di pullman

L’Odissea del 714 (ovvero come tornai a casa), Pt 2 

18:02 Schiacciato contro il vetro non posso fare a meno di sentire la tragica storia di George Harrison. Lasciato dalla ragazza per aver messo un cuoricino ad un’amica su Facebook lo stesso giorno in cui si rompeva la gamba in… Continua a leggere →

L’Odissea del 714 (ovvero come tornai a casa), Pt 1

17:56 È in ritardo di dieci minuti. Dieci minuti passati davanti a un tabellone luminoso che sporadicamente mi segnala l’orario del pullman, mentre nel contempo cerca inutilmente di distrarre la mia mente dal ritardo facendo scorrere inutili notizie sulle ragioni… Continua a leggere →

La ragazza e il vecchio

Sale una ragazza, ha i capelli di quel castano chiaro che ricorda le foglie in autunno. Chiede un’informazione all’autista. Ha le labbra sottili, e mentre ascolta con attenzione la risposta si passa rapidamente la lingua per inumidirle. Si congeda dal… Continua a leggere →

La fermata [parte 3]

18:27 La temperatura è di poco inferiore ai tre gradi. Inizio a credere che la pelliccia della signora possa essere Sid, il bradipo dell’era glaciale. Il traffico, intanto, è aumentato, e il soave suono dei clacson delle auto accompagna come… Continua a leggere →

La fermata [parte 2]

18:22 L’aria fredda mi pervade il corpo e ho qualche brivido di freddo. Cominciano i primi ripensamenti. Se vado ora forse ce la faccio. Ma non posso andare, e neanche voglio. So per certo che se mi muovessi ora dopo… Continua a leggere →

La fermata [parte 1]

18:19 Non passare ora. Non. Passare. Ora. Corro. Se faccio in tempo riesco ancora a prendere l’autobus. La borsa pesa ma con un ultimo scatto riesco a svoltare l’angolo. Ancora qualche metro. Arrivato, tana liberatutti. Posso finalmente riprendere fiato. Do… Continua a leggere →

© 2022 SOLO UN ALTRO STUPIDO BLOG — Powered by WordPress

Tema di Anders NorenTorna su ↑